Il circuito “Cerro Negro” di Talavera de la Reina situato a circa 120 chilometri da Madrid (Spagna) ha ospitato il sesto GP del campionato del mondo motocross 2015.

Nella MX2 è stato Valentin Guillod (Standing Construct Yamaha Yamalube) ad aggiudicarsi la sua prima vittoria assoluta in un GP per merito della vittoria in gara 2 e dopo aver conquistato il sesto posto nella prima manche in sella alla sua Yamaha equipaggiata con la centralina GP1 Evo e il sistema di acquisizione dati M40. Il campione in carica Jeffrey Herlings (KTM Red Bull Factory) in sella alla KTM SXF 250 supportata da Athena-GET, ha conquistato la seconda posizione. Per lui una caduta nella seconda manche, dopo la vittoria in gara1, che lo ha costretto alla rimonta senza poter lottare per l’ennesima vittoria. Jordi Tixier (Kawasaki KRT MX2) ha portato al sua KXF 250 equipaggiata con la centralina GP1 Evo e il sistema di acquisizione dati M40, al terzo posto assoluto con una condotta di gara regolare: secondo e quarto nelle due manche. Nella MXGP è tornato alla vittoria assoluta, dopo sette GP di astinenza, il campione del mondo in carica Antonio Cairoli (KTM Red Bull Factory) che questa volta si è presentato in gara con una KTM SXF 450, sempre supportata da Athena-GET, al posto delle usuale 350. Una scelta azzeccata visto il risultato conseguito. Clement Desalle (Suzuki – Rockstar Energy), in gara con l’acquisizione dati M40 Athena – GET si è classificato al quarto posto assoluto sfiorando il podio. Dopo il secondo posto in gara1, nella seconda manche è scivolato ed è stato costretto al recupero. La sua rimonta si è fermata al quinto posto. Il belga rimane in seconda posizione in classifica di campionato insidiato da Antonio Cairoli, risalito a meno diciotto punti dal rivale.

Il mondiale motocross si ferma due settimane e riprenderà il suo cammino in Inghilterra dove, domenica 24 maggio, sul circuito di Matterley Basin, si disputerà la settima prova delle diciotto in programma.