Dopo la notturna di Losail, il mondiale motocross si è spostato in Thailandia e i protagonisti hanno trovato ad attenderli un week end di “fuoco”, con temperature che hanno oltrepassato i 40° centigradi. Nella classe minore (MX2), solito dominio incontrastato di Jeffrey Herlings (Red Bull KTM Factory Racing) che in sella alla sua KTM 250 SXF supportata da Athena GET si è aggiudicato le due manche in programma portando il conto dei successi a quattro, su quattro prove disputate. A fargli compagnia sul podio, Jeremy Seewer (Team Suzuki World MX2)  a bordo della Suzuki RMZ 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Lo svizzero è stato autore di due manche ottimali chiuse entrambe al terzo posto. A chiudere il podio, Aleksandr Tonkov (Wilvo Standing Construct Yamaha Yamalube) in sella alla Yamaha YZF 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Il russo ha chiuso la prima manche al secondo posto e la seconda in quarta posizione. Nella classe regina (MXGP), “due su tre” per i colori Athena –GET. Romain Febvre (Monster Energy Yamaha Racing Team), campione del mondo in carica della categoria, che ha portato in gara la sua Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA, ha vinto entrambe le manche e si è portato in testa alla classifica assoluta di campionato. Terzo sul podio il compagno di squadra Jeremy Van Horebeek (Monster Energy Yamaha Racing Team) a bordo della sua Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA.

Prossima gara, Round #03: Valkenswaard (Olanda) 27-28 Marzo GP d’Europa