Dopo lo “stop and go” in terra europea di due settimane fa in Olanda (Valkenswaard) il mondiale motocross è tornato in pista per il quarto GP della stagione, con la prima delle due consecutive trasferte sudamericane, sul circuito di Villa la Angostura a pochi chilometri dal confine con il Cile. Per tutti i pretendenti al titolo della MX2, si è trattato di “ballare” il tango argentino per mano di Jeffrey Herlings (Red Bull KTM Factory Racing) che in sella alla KTM 250 SXF supportata da Athena GET ha fatto il bello e cattivo tempo anche in Patagonia. Otto vittorie di manche su otto, quattro pole position su quattro e otto giri veloci per altrettante manche disputate. Questo il bollettino del due volte campione del mondo che sembra proprio intenzionato a effettuare una “perfect season” a suon di vittorie. Sul secondo gradino del podio, si è piazzato Jeremy Seewer (Team Suzuki World MX2) portando anche in seconda posizione nella classifica generale, la sua Suzuki RMZ 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Lo svizzero ha relegato alle sue spalle (terzo assoluto) Aleksandr Tonkov (Wilvo Standing Construct Yamaha Yamalube) in gara con la Yamaha YZF 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Mezza battuta a vuoto invece per Pauls Jonass (Red Bull KTM Factory Racing) che, in sella alla KTM 250 SXF supportata da Athena GET, è stato costretto al ritiro in gara 1 a causa di una caduta al primo passaggio. Nella MXGP, ritorno al podio per Antonio Cairoli (Red Bull KTM Factory Racing) sempre in sella alla KTM 450 SXF supportata da Athena GET. Soltanto un punto ha separato Tony dalla vittoria del GP ma questo risultato dimostra il pieno recupero del pluri campione del mondo, dopo l’infortunio di inizio stagione. Quarto assoluto Romain Febvre (Monster Energy Yamaha Racing Team) che ha dovuto recuperare una caduta in partenza di gara 1, conclusa al quinto posto per poi, in gara 2 classificarsi in terza posizione. Il campione del mondo in carica ha portato in gara la sua Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Sempre in sella alla Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA, Jeremy Van Horebeek ha conquistato la quinta posizione nell’assoluta. 

Prossima gara, round #05: Leon (Messico) 16-17 Aprile GP of Leon.