Il GP #07 della stagione in corso si è disputato sul “Talkessel” di Teutschenthal in Germania. Caratterizzato da un fondo duro e compatto, il tracciato tedesco è uno di quelli più temuti dell’interno calendario di gare, da parte di tutti i piloti. Con un ottimo lavoro svolto nei giorni precedenti le gare, gli organizzatori hanno preparato il terreno in maniera ottimale per lo svolgimento di una gara piena di contenuti tecnici. Chi è stato capace di sfruttare al meglio le difficoltà del fondo germanico è stato Antonio Cairoli (Red Bull KTM Factory Racing) che ha centrato la vittoria, in sella alla KTM 450 SXF supportata da Athena GET. Tony ha fatto segnare “bottino pieno” conquistando la pole position e le due vittorie di manche. Il campione siciliano è tornato alla piena affermazione dopo un lungo digiuno che durava dal GP di Inghilterra della stagione 2015. Giornata non esaltante per Romain Febvre (Monster Energy Yamaha Racing Team) che ha portato in gara la sua Yamaha YZF 450 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Il francese è stato vittima di una caduta nella prima manche che lo ha costretto a recuperare fino al decimo posto mentre in gara 2, si è classificato terzo. Febvre è stato obbligato a cedere momentaneamente la tabella rossa di leader e ora, è secondo in classifica generale, distanziato di otto punti dal vertice. Nella MX2, “solito” monologo di Jeffrey Herlings (Red Bull KTM Factory Racing) che ha portato la sua KTM 250 SXF supportata da Athena GET alla settima affermazione consecutiva su sette gare disputate. Questa volta però, “The Bullet”, ha dovuto soffrire per vincere. Durante la seconda manche è stato vittima di una forte distorsione alla caviglia sinistra che soltanto per la sua grande forza di volontà non lo ha costretto al ritiro. Da metà gara in poi, l’olandese ha letteralmente stretto i denti e ha recuperato dalla quarta alla prima posizione, raggiunta quando mancavano, soltanto due giri al termine della seconda manche. Sul terzo gradino del podio è salito Jeremy Seewer (Team Suzuki World MX2) a bordo della Suzuki RMZ 250 equipaggiata con la centralina RX1 Evo, il sistema di acquisizione dati M40 e l’innovativo sistema Launch Control LC-GPA. Lo svizzero, è salito per la sesta volta sul podio della categoria e rimane saldamente al secondo posto della classifica generale.

Prossima gara, Round #08: Arco di Trento (Italia) 15 Maggio GP of Trentino.